Tamagoyaki, la frittatina dolce giapponese

13457746_10207580265037115_318338623_n

Il tamagoyaki è la frittatina dolce giapponese che vedete nel bento qui a lato. E’ un must in tutti i bento, ed è amatissima da grandi e piccini. Ogni famiglia ha la sua ricetta, chi la fa più dolce, chi la fa meno dolce… Questa è la mia, con la spiegazione passo a passo.

Nel bento inoltre trovate: un onigiri a forma di Rilakkuma, dei pomodorini, qualche foglia di lattuga e degli edamame.

Ingredienti per un tamagoyaki:

3 uova

2 cucchiai di zucchero (a me piace dolce… voi regolatevi secondo i vostri gusti)

1 cucchiaio di sake

1 pizzico di sale (c’è chi usa la salsa di soia. A me sembra che scurisca un po’ il risultato finale, quindi preferisco usare il sale)

Vi serviranno inoltre: una padella rettangolare (la mia è 13×18 cm), una spatola, delle bacchette per cucinare, dell’olio di semi e un pezzo di carta da cucina.

Procedimento:

Mescolate bene tutti gli ingredienti in modo che lo zucchero si sciolga. Scaldate l’olio di semi nella padella rettangolare, e ungetela bene in tutta la superficie aiutandovi con la carta da cucina. Asciugate l’eccesso e tenete da parte la carta da cucina per ungere di nuovo la padella in seguito, se ce ne fosse bisogno. Versate una parte del composto nella padella in modo da coprirne tutta la superficie con uno strato molto sottile (come fareste per una crèpe). Quando il composto inizierà a rapprendersi, aiutandovi con le bacchette staccatelo dai bordi e poi aiutandovi con la spatola arrotolalelo su se stesso da destra verso sinistra, come in figura.

 

Spostate il rotolino che avrete ottenuto sulla destra della padella (la parte opposta al manico) e schiacciatelo con la spatola. Dopo aver liberato la padella da eventuali residui e aver unto nuovamente la superficie (solo se ce n’è bisogno), versate un nuovo strato sottile di composto, e fate in modo che si distribuisca anche sotto il primo rotolino, aiutandovi con le bacchette o con la spatola. Quando avrà inziato a rapprendersi, arrotolatelo nuovamente su se stesso verso sinistra e poi spostatelo a destra. Schiacciatelo con la spatola.

A questo punto il vostro tamagoyaki sarà sempre più spesso: fate attenzione a non romperlo! Procedete versando un altro strato sottile, arrotolate e poi versate un altro strato fino a esaurimento degli ingredienti. Di solito con tre uova io faccio quattro o cinque strati.

Quando avrete finito gli strati e spento il fuoco sarà il momento di schiacciare per bene il vostro tamagoyaki in modo da compattarlo. In Giappone si usa uno speciale attrezzo in legno, ma la spatola da cucina va benissimo. Schiacciatelo bene spostandolo in varie parti della padella per schiacciarlo in tutte le direzioni.

Toglietelo dalla padella e fatelo raffreddare completamente prima di avvolgerlo nell’alluminio e metterlo in frigo. Affettatelo con un coltello a lama liscia e inseritelo nel vostro bento!

Bento tips

Tip 1 Se non possedete una padella rettangolare (che si può acquistare su amazon a prezzi abbastanza contenuti cercando “tamagoyaki”) potete usare una padella rotonda, avendo cura di ripiegare i bordi laterali dello strato sottile di frittatina prima di arrotolarlo partendo da uno dei due lati non ripiegato.

Tip 2 Potete usare la padella nel verso che preferite: potete tenerla in orizzontale come faccio io o anche in verticale, se vi sembra più comodo. L’importante è che troviate il modo di arrotolare la frittatina senza romperla!

Annunci

2 pensieri su “Tamagoyaki, la frittatina dolce giapponese

  1. Pingback: Halloween “nori-ben” | A merenda con Alice

  2. Pingback: San shoku soboro ben: bento con pollo, uova e spinaci | A merenda con Alice

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...