Focaccine con pomodorini

13728381_10207788559444345_1107351390_o

Ho passato tutte le mie estati da bambina in Liguria. Per me, la focaccia è una cosa seria.

La focaccia ideale per me è sottile (quelle spesse non le sopporto), mediamente unta e salata in superficie. Adoro quella bianca, quella alle cipolle, alle olive e anche quella ai pomodori.

Questa ricetta nasce nel tentativo di ricreare una focaccia che la mia bimba più grande ha apprezzato molto l’anno scorso in vacanza, in Liguria ovviamente.

Ingredienti:

300 g di farina forte (quella per pane, in somma)

90 g di semola rimacinata

10 g di fiocchi di patate (facoltativi)

280 g di acqua a temperatura ambiente (un po’ meno se si omettono i fiocchi di patate)

25 g di olio più altro per la superficie

3 g di lievito di birra secco

5 g di miele o zucchero

5 g di sale

pomodori o pomodorini, origano, sale grosso

13702311_10207788548124062_925548149_o

Procedimento:

Se il lievito è da attivare,  scioglierlo nell’acqua con il miele o lo zucchero e aspettare fino a quando non si crea la schiumetta. Altrimenti unirlo direttamente alla farina, aggiungere la semola, i fiocchi di patate e l’acqua e iniziare a impastare. Aggiungere il sale, il miele se non lo si è già usato, l’olio e impastare bene fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico.

Formare una palla e porre a lievitare, coperto, in un luogo caldo, fino al raddoppio. A seconda della temperatura ci vorranno tra le due e le quattro ore.

Quando l’impasto sarà lievitato, sgonfiarlo su un piano infarinato con semola, appiattirlo e piegarlo in tre (come si piega un foglio per metterlo in una busta lunga), e poi ancora in due. Formare nuovamente una palla e far lievitare per altri trenta minuti.

A questo punto dividere l’impasto in pezzature tutte uguali e stenderle formando le focaccine. Ovviamente si può anche decidere di fare una focaccia unica più grande. Bagnare la superficie con acqua tiepida e olio e disporre i pomodorini (con il taglio verso il basso) o i pomodori a fette, il sale grosso e l’origano. Lasciar riposare altri trenta minuti e infornare a 230 gradi per una quindicina di minuti (a seconda della pezzatura).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...